Chiesa Madonna SS. delle Grazie

La chiesa della Madonna SS. delle Grazie, fu edificata per volontà di Andrea Carletti di Maltignano nella seconda metà del Settecento. Il Carletti, nel suo testamento,redatto l’11 aprile 1747, tra le altre disposizioni, lasciò il fruttato di due terreni da impegnarsi nei cinque anni dopo la sua morte per la celebrarazione di messe in suo suffragio. Dopo questo tempo la rendita di questi terreni doveva essere gestita dai santesi pro tempore della chiesa di San Martino. Questi dovevano accumulare gli utili di ogni anno fino a quando non erano sufficienti per erigere una piccola chiesa di forma circolare, da costruirsi in un suo terreno chiamato”la Chiusa” e davanti al cancello che conduceva alle proprietà di Andrea Carletti.Il luogo si trovava sul finire del paese, lungo la strada che conduceva alle frazioni di Civita e a quelle di Colle S.Stefano, Serviglio e S.Trinità. Il testatore dispose che alla chiesa fosse dato il titolo di Santa Maria delle Grazie. Non si conosce con esattezza l’anno della sua erezione, ma la facciata di questa graziosa chiesetta rispecchia lo stile architettonico in voga nella Roma del ‘700. Andrea Carletti lasciò a disposizione anche per l’arredo interno e sempre le rendite sopraddette, i santesi dovevano provvedere ad erigere un altare con paliotto, arredarlo con tovaglie, scalinata, predella ed ogni altra suppellettile sacra e un armadio per custodire i paramenti. Con il rimanente dei frutti dispose che il parroco di Maltignano o altro sacerdote vi dovevano celebrare le messe. La cura della chiesa doveva essere affidata al sacerdote che la ufficiava mentre lo iuspatronato doveva rimanere ai sui discendenti.

Secondo la tradizione locale, la chiesa fù edificata da Andrea Carletti per “ricordare le continue migrazioni degli abitanti di Maltignano a Roma”.