Venerdì Santo 

Da circa sette secoli, la sera del Venerdì Santo, ha luogo in Cascia la Processione del Cristo Morto che, partendo dalla Collegiata di S. Maria della Visitazione ove fu battezzata S. Rita, si snoda per le vie della città rievocando la Passione di Gesù dall’Ultima Cena al Sepolcro. Alla Processione partecipa attualmente una moltitudine di casciani: taluni recano o le Stazioni della Via Crucis o le Statue di Maria e del Cristo Morto, o il baldacchino per la Sacra Spina (Reliquia donata a Cascia, nel 1625 dal concittadino Cardinale Fausto Poli); altri formano i «quadri viventi» altri ancora, incappucciati in sacchi ed a piedi scalzi con sù pesanti catene, portano onerose Croci.